L’Infinito Viaggiare

 

Un libro molto bello. La prefazione è un saggio sul profondo significato del viaggiare: – Viaggio come “persuasione”, cioè “il possesso presente della propria vita, la capacità di vivere l’attimo, ogni attimo”. – Viaggio come ricerca e come rinnovamento. “Molte cose cadono, quando si viaggia; certezze, valori, sentimenti, aspettative che si perdono per strada – la strada è una dura, ma anche buona maestra. Altre cose, altri valori e sentimenti si trovano, s’incontrano, si raccattano per via.” Il viaggio come fuga dalla propria realtà quotidiana è “immorale”. Perché “L’avventura più rischiosa, difficile e seducente si svolge a casa; è là che si gioca la vita, la capacità o incapacità di amare e di costruire, di avere e dare felicità, di crescere con coraggio o rattrappirsi nella paura; è là che ci si mette a rischio.” – Viaggio come scuola di umanità. “Viaggiare insegna lo spaesamento, a sentirsi sempre stranieri nella vita, anche a casa propria, ma essere stranieri fra stranieri è forse l’unico modo di essere veramente fratelli. Per questo la meta del viaggio sono gli uomini; non si va in Spagna o in Germania, ma fra gli spagnoli o fra i tedeschi.” – Viaggio come ritorno. “Conoscere è spesso, platonicamente, riconoscere, è l’emergere di qualcosa magari ignorato sino a quell’attimo ma accolto come proprio. Per vedere un luogo occorre rivederlo … ‘Perché cavalcate per queste terre?’ chiede nella famosa ballata di Rilke l’alfiere al marchese che procede al suo fianco. ‘Per ritornare’ risponde l’altro”.

Commento (1)

  1. download minecraft pc

    I needed to thank you for this fantastic read!!

    I definitely loved every little bit of it.
    I have you book-marked to check out new stuff you post…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *