RUEGEN Isola del Baltico ( ex DDR)

[contact-form][contact-field label=”Nome” type=”name” required=”true” /][contact-field label=”Email” type=”email” required=”true” /][contact-field label=”Sito web” type=”url” /][contact-field label=”Messaggio” type=”textarea” /][/contact-form]

E’ collegata alla terraferma da un ponte levatoio che consente, ad orari prestabiliti, alle grandi navi di transitare.

E’ considerata la perla tedesca nel Baltico ed e’ l’isola piu’ grande.

La localita’ piu alla moda e’ Binz, che richiama l’atmosfera di Deauville sulla costa atlantica francese. Continue manifestazioni tra cui il festival Duckstein che si tiene a settembre. Affollatissimi gli stand che propongono specialita’ culinarie, concerti anche di musica moderna e mostre d’arte.

Si cammina lungo spiagge dalla sabbia bianchissima.

Sui frangiflutti, oltre ai gabbiani, sono appollaiati numerosi cormorani. Ricordo a Guilin in Cina i pescatori che avevano al fianco un cormorano a cui era stato applicato al collo un anello in modo da impedirgli di inghiottite il pescato.

1:37 https://youtu.be/zTIzQ4A1hFk

Prora

è un complesso di edifici , progettato ed edificato tra il 1935 e il 1939 tra le località di Sassnitz e Binz e si affaccia sulla baia di Prora, sulla costa orientale dell’isola.

 

Con i suoi quasi cinque chilometri lineari di edifici, il «Colosso di Prora» è uno dei pochissimi esempi superstiti di architettura razionalistica del terzo Reich.

Il progetto di questa struttura si rivelò ambizioso fin da subito, nel pieno stile dell’estetica monumentale del regime nazionalsocialista tedesco del tempo che, nel 1935, deliberò la costruzione «del più grande edificio a scopo ricreativo» dedicato alla Kraft durch Freude. Nella Germania del Terzo Reich la KdF aveva lo scopo di organizzare l’offerta di attività ricreative a basso costo per la popolazione; tra i vari progetti vi era la costruzione di cinque località balneari analoghe a questa che potessero ospitare ben 20.000 persone ciascuna per consentire alla popolazione tedesca di trascorrere due settimane di vacanza all’anno, tuttavia questa fu l’unica struttura delle cinque previste a essere parzialmente realizzata. Uno dei sostenitori di questo ambizioso progetto fu il dottor Robert Ley che immaginò Prora il luogo di villeggiatura ideale per ogni lavoratore tedesco che meritava una vacanza al mare.

Di recente lo stato tedesco ha venduto i 2,5 km restanti di appartamenti ad imprese di cotruzioni a condizioni estremamente interessanti: recupero fiscale di ca il 75% dell’investimento. Tali imprese stanno gradualmente ristrutturando le strutture che vengono vendute a ca 3/5 mila €/mq.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *