Diari Viaggio

Europa, Asia, Usa e Canada

Sestriere


Con i suoi 2 035 m s.l.m. è il comune più alto d’Italia.
Si trova sul colle omonimo che mette in comunicazione la Val Chisone e la Valle di Susa. È dominata a nordovest dal monte Fraiteve (2 701 m), a sudest dal monte Sises (2 658 m), dalla Punta Rognosa di Sestriere (3 280 m) e dal monte Motta (2 850 m).

Dal 1930Giovanni Agnelli, il fondatore della FIAT, che aveva acquistato per 40 centesimi al metro quadrato i terreni, fece costruiredue alberghi (noti come le torri), che seguono i temi del Razionalismo italiano dell’epoca, tre funivie, costruite dalla ditta tedesca Adolf Bleichert & Co.[5] di Lipsia e dirette ai monti Sises (1931), Banchetta (1933) e Fraiteve (1938).

Dal 1967 si svolgono le gare di Coppa del Mondo di sci alpino, nel 1997 è stata sede dei mondiali di sci, e nel febbraio 2006 ha ospitato le gare di sci alpino dei XX Giochi olimpici invernali.

Giro della via Lattea: si estende su sei localita’ piu’ una in territorio francese. le piste sono prevalentemente blu e rosso. La durata media della gita si aggira intorno alle sei ore ed in totale si prendono al massimo 22 impianti.

Royal Tunbridge Wells

I visitatori hanno cominciato ad affluire non appena furono scoperte nel 1606 la Chalybeate Spring ( sorgente termale).

Da allora il posto divenne molto alla moda e cioe’ da vedere e da essere visti. La principessa Vittoria visitava regolarmente la cittadina, soggiornando presso l’Hotel du Vin.

Molto tipici The Pantiles, cioe’ arcate che ospitano negozietti, ristoranti e bar nella parte vecchia della cittadina.


Natale e Capodanno in Alta Savoia

COURCHEVEL 1850 mt

Da Milano sono circa 460 km attraverso il Frejgius ( pedaggio circa 45 €)

Il villaggio piu’ alto e’ Courchevel 1850, famoso nel mondo e inserito tra i primissimi posti della classifica dei piu’ lussuosi siti mondani. Il,punto piu’ alto e’ situato alla cima del Saulire 2738 m s.l.m.

Vi sono le piu’ prestigiose strutture alberghiere, hotel a 5 stelle. Alcuni ristoranti si fregiano di ben 3 stelle Michelin. Nel centro ci sono le piu’ prestigiose case di moda: Dior, Armani, Prada etc. oltre ad esclusive gallerie d’arte e botique alimentari ( caviale, tartufi bianchi e simili delicatezC



Courchevel Moriond 1650 mt

Si trova a pochi km prima di Courchevel ed e’ molto ben collegato agli altri comuni tramite navette gratuite per gli ospiti della vallata. Il piccolo centro e’costituito da negozietti vari, ristorantini e supermercati.-

In centro si accede ad una scala mobile che porta dopo due rampe ad una enorme struttura con diverse piscine ed una mini struttura di surf.

ARGENTIERE

che Dista pochi km da Chamonix. Piccolo centro da cui e’possibile accedere alle funivie per le piste ed anche ottime passegggiate, che fiancheggiano le piste da sci di fondo. Affittiamo una baita appena fuori dall’ abitato. La baita ha anche una jacuzzi esterna e si accede ad una sauna con fornello a legna. La stessa si trova alla sommita’ di una scala in pietra.

Lungo i percorsi a piedi non vengono raccolti gli escrementi dei cani.

CHAMONIX


Graziosa cittadina a ridosso del Monte Bianco. Molto lunga la strada principale dello shopping.


Dall’Alleanza lavoro futuro 100mila posti per i giovani

Segnalato da Paola Tieri Sole 24 h odierno

La digital transformation sta rivoluzionando il mondo del lavoro. Alcuni mestieri stanno sparendo e al contempo emerge dirompente la domanda di nuove professionalità a cui però il sistema educativo non riesce a rispondere. Il risultato è che il mismatch tra domanda e offerta di lavoro aumenta: come evidenzia uno studio Anpal-Unioncamere , la difficoltà segnalata dalle imprese di trovare il candidato più idoneo è passara dal 12% dei contratti totali del 2016 ad oltre il 21% del 2017.  Il mismatch tra domanda ed offerta di lavoro, che quest’anno arriva ad interessare più di un posto di lavoro su 5.

Quello del lavoro è un tema cruciale  che anche il Presidente Matterella ha affrontato nel suo ultimo discorso di fine anno, quando ha parlato della necessità di governare i cambiamenti e ha ricordato l’importanza del lavoro, soprattutto per i giovani. Per essere competitivo nel nuovo contesto di mercato, nessun Paese può permettersi di utilizzare solo metà del suo principale asset, i giovani: nonostante i dati incoraggianti dell’ultimo periodo in termini crescita degli occupati (23,18 milioni a novembre 2017, il livello più alto dal 1977, inizio delle serie storiche Istat), il nostro Paese fatica a generare nuova occupazione, a riallineare domanda e offerta di professionisti e ad inserire i giovani nel mercato del lavoro.

Ecco perché EY ha deciso di impegnarsi insieme con altre aziende e organizzazioni leader, università, scuole secondarie e formatori, in un’Alleanza per il lavoro del futuro. Si tratta di un programma concreto volto a facilitare la comprensione delle dinamiche che stanno modificando il lavoro e indicare la strada da seguire in questo percorso e avviare progetti che possano trasformare le criticità di questo momento in nuove opportunità.

“Le grandi aziende hanno rilevato, come noi, la necessità di investire sui giovani e si stanno muovendo di conseguenza, mentre le Pmi hanno ancora molto margine per ampliare gli investimenti sul lavoro del futuro e ottenere così un vantaggio competitivo – Donato Iacovone, Ad di EY in Italia e Managing Partner dell’Area Mediterranea – Per questo motivo ci siamo fatti promotori di un’Alleanza tra imprese e mondo dell’istruzione universitaria e superiore, un network che può affiancare le Pmi in questo processo di trasformazione, contribuendo a promuovere azioni concrete, compresa l’immissione di giovani nel mondo del lavoro con competenze nuove. Abbiamo stimato che se aderiranno almeno 50 aziende si potranno creare più di 100.000 posti di lavoro nei prossimi 5 anni. L’Alleanza, alla quale stanno rapidamente aderendo primarie imprese e università, potrebbe efficacemente contribuire a ridurre la percentuale dei disoccupati, avvicinando in 3 anni il Paese alla media europea”.

Con l’Alleanza si sviluppa un sistema per potenziare i ruoli dei diversi protagonisti: i ceo delle grandi aziende e organizzazioni che influenzano in modo determinante le professioni future; le Università, le Scuole superiori e le Business School che possono aiutare a capire quali saranno le competenze del futuro e come svilupparle.

Attualmente in Italia solo il 29% della forza lavoro possiede elevate competenze digitali, contro una media Ue del 37%. Un divario che rischia di aggravarsi se si considera la bassa partecipazione di lavoratori a corsi di formazione (8,3%) rispetto alla media Ue di 10,8% e a Paesi quali Francia 18,8% e Svezia 29,6%. Per recuperare competitività è quindi necessario investire sullo sviluppo di capacità professionali nuove.

L’Alleanza si propone di accelerare la comprensione delle dinamiche che portano alla trasformazione del lavoro e abilitare la realizzazione di iniziative concrete per lo sviluppo delle nuove professionalità, declinate sui territori e sui settori.

Ad oggi sono 21 le realtà che hanno aderito, tra queste: Docomo Digital, GE Italia, Italiaonline, Luiss Business School, Microsoft, Nana Bianca, SAP, Spencer Stuart. L’Alleanza si riunirà per la prima volta l’8 febbraio a Milano.

Sacro Monte di Varallo

Il “Gran Teatro Montano”

Visitare e vivere il Sacro Monte è una vera esperienza che non può proprio mancare a quanti scelgano di raggiungere Varallo. Il Sacro Monte è un luogo assolutamente unico nel suo genere, simbolo dell’operosità, della devozione, dell’alta capacità artistica e artigianale delle mani valligiane che gli hanno dato la vita nel corso di quasi quattro secoli.

Quello di Varallo è il più antico dei nove Sacri Monti edificati sulle alpi piemontesi e lombarde. Sorge sulla sommità di uno sperone roccioso immerso tra il verde dei boschi che circondano l’elegante cittadina, considerata la capitale della Valsesia.
Il Sacro Monte si compone di 44 cappelle e una basilica, e appare come una vera e propria cittadella fortificata cinta da mura e caratterizzata da vie, piazze, palazzi e giardini. All’interno delle cappelle statue e dipinti danno forma e voce “qui e ora” al percorso che narra la vita, la passione e la morte di Gesù, dall’Annunciazione all’Assunzione di Maria. Più di ottocento sculture in legno o terracotta a dimensione naturale e più di tremila affreschi formano quello che Giovanni Testori, il poeta del Sacro Monte, chiamerà “Gran Teatro Montano”.

Le origini. Fu il frate francescano Bernardino Caimi, già custode del Santo Sepolcro a Gerusalemme nel 1478, a progettare verso la fine del XV secolo la realizzazione di una “Nuova Gerusalemme” per consentire ai fedeli di vivere la spiritualità del pellegrinaggio in Terrasanta ripercorrendone fedelmente i luoghi simbolici.
Essi dovevano essere corredati da immagini finalizzate ad aiutare il fedele – spettatore ad immedesimarsi nella storia riportata nelle sacre Scritture, in una sorta di esegesi dei Vangeli. La tipologia della predicazione francescana diffusa attraverso i libri di meditazione quattrocenteschi si basava, infatti, sul coinvolgimento emotivo del fedele; la presenza, all’interno delle chiese, di una parete dipinta con scene tratte dai Vangeli come accade, ad esempio, nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Varallo, testimonia il valore didattico delle opere d’arte e delle immagini.
Quasi tutte le opere del Sacro Monte sono state create con materiali reperibili in Valsesia e da una gran quantità di artisti ed artigiani valsesiani.
Entro il 1491 erano terminate la costruzione della chiesa e del convento di Santa Maria delle Grazie, realizzati per ospitare i frati francescani giunti al seguito del Caimi e, al Sacro Monte, erano ormai completate la cappella del Santo Sepolcro e la Deposizione. Le strutture successive vennero iniziate tenendo presenti la conformazione della Terrasanta e le planimetrie dei santuari di Palestina.

l Cinquecento. Il progetto edificatorio di padre Caimi trovò felice concretizzazione, a partire dal primo Cinquecento, nelle straordinarie capacità narrative e comunicative di Gaudenzio Ferrari (Valduggia ca. 1476 – Milano 1546), pittore, scultore e architetto. Gaudenzio lavora intensamente al Sacro Monte per circa quindici anni (1513 – 1528); piano piano, però, andava affievolendosi l’idea di riprodurre i sacri luoghi della vita di Gesù in favore di un’illustrazione cronologica della storia che verrà affermata definitivamente nella seconda metà del secolo.

Gaudenzio racconta alcuni episodi del Vangelo conferendo un senso di freschezza, emozione e semplicità quotidiana. Nelle sculture e negli affreschi ritrae personaggi veritieri che ogni fedele avrebbe potuto incontrare passeggiando tra le contrade di Varallo o nei sentieri verso gli alpeggi valsesiani: ne sono esempi meravigliosi il pastore di Rimella, l’anziano senza denti, la zingara con i bambini, il giudeo gozzuto, la nobildonna. I francescani apprezzarono profondamente l’immediatezza espressiva delle opere del maestro poiché attraverso i personaggi, gli ambienti e il senso del viaggio suggerito dalla morfologia del Sacro Monte il racconto si rendeva facilmente comprensibile e credibile. Gaudenzio realizzò quindi, nelle sue cappelle, una sorta di modello narrativo che, nei decenni successivi, verrà intenzionalmente imitato e seguito dai maestri successivi, anche su richiesta della supervisione religiosa.

Nel 1514 vedeva la luce la prima operetta descrittiva del luogo, redatta dai francescani e intitolata “Questi sono li misteri che sono sopra al monte de Varade”, una vera e propria guida alla comprensione e alla visita del complesso in via di edificazione: si tratta di un documento storico di eccezionale valore poiché tratteggia in modo semplice, con piccole preghiere e prosa, la fisionomia del Sacro Monte nel tempo più prossimo alla fondazione di padre Caimi.

La seconda metà del Cinquecento è caratterizzata da una riprogettazione radicale del Sacro Monte ad opera dell’architetto perugino Galeazzo Alessi. Tra il 1565 e il 1569 Alessi prepara un manuale manoscritto, noto come “Libro dei Misteri” oggi conservato presso la Biblioteca Civica di Varallo, nel quale il Sacro Monte viene trasformato in una vera e propria cittadella abbellita da fontane, siepi, giardini e tempietti (non più semplici cappellette). Il progetto alessiano non trova accoglimento da parte dei frati poiché alterava la concezione originaria del luogo; scaturirono, al riguardo, decisi contrasti fra i frati e i rappresentanti delle famiglie nobili e notabili di Varallo, reggenti della fabbriceria laica, che verranno conciliate dall’arcivescovo di Milano Carlo Borromeo, in visita al Sacro Monte tra il 1571 e il 1584, con l’accoglimento di una piccola parte delle modifiche introdotte dal “Libro dei Misteri”.

Il Seicento e il Settecento. È il vescovo di Novara Carlo Bascapè (1593 – 1615) a traghettare il Sacro Monte dal periodo delle riflessioni avviate da san Carlo alle indicazioni dettate dal Concilio di Trento, durante il quale si affrontarono temi cruciali come quello della funzione delle immagini. Il Concilio riconobbe la funzione educativa delle immagini per i fedeli, in gran parte analfabeti, purché esse fossero controllate e verificate: il Bascapè si adopererà attivamente intervenendo per supervisionare e, in qualche caso, correggere le rappresentazioni in via di realizzazione.

Il cantiere dei lavori che si sviluppa nel corso del XVII secolo vedrà nascere un Sacro Monte pressoché identico, negli spazi, a quello che possiamo visitare oggi. Sorsero nuove cappelle, nelle quali operano artisti di fama come il pittore perugino Domenico Alfano, lo scultore fiammingo Giovanni Wespin (“il Tabacchetti”) o Pier Francesco Mazzucchelli detto “il Morazzone”. Soprattutto si assiste all’esordio e all’ascesa di Giovanni D’Enrico (Alagna 1559 – Borgosesia 1644), architetto e scultore, e dei suoi fratelli pittori Melchiorre e Antonio (detto “Tanzio”) nativi di Alagna.
Giovanni, nel rispetto delle linee guida date dal maestro rinascimentale Gaudenzio, è capace di infondere una forte espressività, un senso di teatralità e verità ai suoi soggetti. Opera al Sacro Monte per circa trentacinque anni (1605 – 1640) realizzando più di 335 sculture. A lui si deve l’erezione dell’elegante Palazzo di Pilato completato dalla Scala Santa, costruita a imitazione di quella della chiesa di San Giovanni in Laterano a Roma. Proprio durante questa edificazione l’équipe dei D’Enrico si completa con l’arrivo di Tanzio che eseguirà gli affreschi in tre cappelle della Passione: il suo stile, di un verismo vigoroso, si coniuga a un’indagine cruda della miseria umana e dimostra un’inclinazione verso il caravaggismo e il secondo manierismo lombardo-piemontese caratteristico dei contemporanei lombardi (Cerano, Morazzone, Procaccini)

Nel 1614 inizia la costruzione della nuova basilica, dedicata a Maria Vergine Assunta, progettata da Bartolomeo Ravelli e Giovanni d’Enrico, che sarà terminata nel 1713. Il corso del secolo XIX vede lo sviluppo di cantieri come la costruzione di Casa Parella e la definizione di altre cappelle.
Contemporaneamente, Varallo si trasforma in uno dei centri culturali e di formazione di maggiore importanza del Regno di Sardegna e viene fondata la Scuola di Disegno (1778) dove numerosi artisti attivi al Sacro Monte insegnano alle nuove generazioni la produzione d’arte unitamente al restauro delle opere dei predecessori.