Libri

Chi è Dorothy?

Se l’uomo è padrone della propria vita, sovente, però, nasce il dubbio che sia un Ente sconosciuto a muovere le fila di tutto. È finita la guerra, Matteo conduce la vita dura e faticosa dei campi come i suoi padri, ma, malgrado ciò, è felice e appagato dagli affetti di cui è circondato. La famiglia e il lavoro sono tutto il suo mondo. Per un gioco del destino e senza averne alcuna colpa, è costretto a fuggire da Palermo e ad affrontare con la famiglia un lungo periodo di difficoltà e di umiliazioni. Stanco e senza speranza, intraprende un lungo e drammatico viaggio per l’America, fino a Ellis Island, l’isola delle umiliazioni, riservate ai miseri emigranti in fuga da terre ingrate. Matteo sbarca con la sua valigia di cartone, dove sono riposte le sue misere cose e la fame atavica con la quale ha convissuto da quando è nato, ma ha con sé una risorsa formidabile: la volontà determinata di conquistarsi l’esistenza dignitosa negatagli nella sua patria. Matteo diventerà un altro uomo, conoscerà la ricchezza e l’amore sensuale e spregiudicato di Dorothy.

« Riduci

Malachia

Un fiore può nascere anche nello squallore di un tugurio. Tutto faceva prevedere un destino misero e provato dagli stenti come per sua madre, ma per la bimba non voluta e non desiderata, attraverso un tortuoso e lungo cammino, contro un destino che a ogni passo sembra accanirsi contro di lei, si aprirà uno spiraglio e la vita prenderà una svolta imprevedibile. Il fiore potrà finalmente sbocciare. Ma per compiere il suo viaggio, dovrà incontrare e scontrarsi con personaggi perversi e senza umanità, subire violenze e abusi, finire per strada. Anime semplici e ispirate dall’amore e dalla generosità, fra esse anche una maîtresse, l’aiuteranno a realizzare il suo destino. La Sicilia ancora arcaica mostra le passioni, le violenze e le contraddizioni dei suoi figli più veri, che devono affrontare il cruciale periodo della seconda guerra mondiale, la dittatura nazifascista e la liberazione. Palermo subisce gravi bombardamenti che distruggono tutto, finanche l’umanità dei suoi abitanti, ma l’amore troverà modo di sanare le profonde ferite e l’esistenza risalirà dal profondo baratro in cui era precipitata.

 

L’orologio della vita

 

Durante un’escursione tra le montagne valdostane due amici soccorrono un anziano uomo caduto in un burrone. L’uomo muore in ospedale, ma prima di morire consegna a Nicola, uno dei due soccorritori, il suo orologio, per mezzo del quale gli affida di fatto l’impresa che egli stesso si proponeva di realizzare. Da quel momento inizia per i due amici un’avventura che li porta ad indagare nella vita del misterioso uomo, fino a giungere in Sudafrica. Dopo rocambolesche vicende vengono in possesso di un testamento misterioso, da cui apprendono la vera identità dell’uomo e la sua vita. Dal testamento vengono alla luce fatti tremendi, personaggi ambigui e senza scrupoli e traffici criminali raccapriccianti. Ripercorrendo la vita dello sconosciuto, emergono fatti avvenuti durante la seconda guerra mondiale, orrende vicende compiute dalle Brigate Nere e dai partigiani. Il Sudafrica vi appare non solo nel suo aspetto meraviglioso, ma anche con le sue contraddizioni fatte di leggi terribili come l’apartheid e traffici di uomini senza scrupoli mimetizzati da rispettabili e filantropici uomini d’affari. I due amici s’impegneranno per denunciare i crimini di cui sono venuti a conoscenza, adempiendo così al desiderio dell’uomo soccorso tra le montagne.